Dott.ssa Romina Venti

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA TERNI

psicoterapia individuale, psicoterapia di coppia, psicoterapia familiare

Home » Pubblicazioni

Psicoterapia familiare e di coppia Terni

GENITORI IN TERAPIA.....(PSICOLOGO TERNI, PSICOTERAPEUTA TERNI)

AUTORE: ROMINA VENTI

 Si sente dire spesso che “oggi, fare i genitori è più difficile rispetto al passato”, sicuramente i tempi e la cultura sono cambiati, così come lo stile di vita familiare, il ruolo della donna ed i ruoli che si istituiscono all'interno della famiglia in generale. Infatti, oggi vediamo che le donne lavorano, le separazioni e le baby sitter aumentano, così come le famiglie monoparentali, i figli sono sempre più impegnati sia fuori che dentro casa, la scuola o le istituzioni non hanno più lo stesso ruolo di un tempo, ma essere genitori metteva in crisi in passato e mette in crisi oggi, forse una differenza sta nel fatto che, mentre prima c'era l'intera famiglia che dava sostegno alla puerpera ed ai neogenitori, oggi ci si ritrova molto spesso soli, con addosso tanta paura di “sbagliare”.
I neogenitori di oggi, si informano, comprano libri, cercando di seguire “le giuste modalità” che dovrebbero essere adottate per diventare “bravi genitori”. Ma ciò a volte invece che migliorare o tranquillizzare fa solo aumentare i dubbi ed i sensi di colpa, perchè ci si aspetta di essere " genitori perfetti", e se non ci si riesce ...nascono i problemi.

E' importante sapere che, per fare il “bravo genitore” non basta solo leggere “le istruzioni per l'uso”, fare il genitore significa tornare indietro alla propria infanzia, al proprio vissuto, ai propri modelli relazionali ed in particolare al proprio stile di attaccamento.

Mi trovo molto spesso a parlare con genitori che hanno difficoltà nella gestione dei figli, per vari motivi (difficoltà nel trovare un modello educativo comune, difficoltà comunicative, disagi manifestati dai figli) e ci ritroviamo automaticamente a parlare delle loro “esperienze da figli” perchè quando si costruisce una coppia e poi una famiglia (alla nascita dei figli) lo si fa per somiglianza o differenza dalla propria, e così anche il modello educativo che si adotta con i propri figli non nasce dall'informazione o meglio non solo da quella, ma da ciò che si è vissuto direttamente nella propria famiglia d'origine.

Cerchiamo di capire perchè nonostante alcuni siano ben informati su come dovrebbero comportarsi non ci riescono?

La teoria dell'attaccamento ci fornisce una cornice all'interno della quale è possibile comprendere meglio alcune dinamiche di coppia e familiari, infatti le modalità con cui ci leghiamo affettivamente ad un‘altra persona riflettono le nostre primarie esperienze di attaccamento.

La costituzione nella prima infanzia, di un attaccamento sano e di una fiducia di base, dipende dalla presenza e dalla capacità di risposta della persona significativa, ai segnali ed ai bisogni del bambino.

Già Bowlby nel 1951 dimostrò che è essenziale per un sano sviluppo psichico del bambino la nascita di un legame intimo e profondo con la figura materna che rechi ad entrambi, madre e bambino, gioia e soddisfazione.

Inoltre vide che un bambino, privato della presenza materna nel periodo critico dal sesto mese ai 3-4 anni di vita, reagisce con un vissuto di lutto che si esprime in tre fasi (protesta, disperazione e distacco).

Bowlby elaborò così la teoria dell'attaccamento che dice che, il bambino sano possiede la capacità innata di svilupparsi in modo socialmente cooperativo ma l'entrata in azione dei meccanismi di interrelazione madre-bambino dipende dalla capacità con cui la madre (o altra figura significativa) risponde adeguatamente alle richieste del bambino, stando attenta ai dettagli del suo comportamento. Così facendo non solo rende contento il suo bambino ma ottiene anche la sua collaborazione.

Quindi, il primo rapporto con la madre (o altra figura d'attaccamento), rappresenta il prototipo di tutti gli ulteriori legami affettivi che ci legano ad altri esseri umani.

Bowlby ritiene che l'attaccamento si struttura nei primi mesi di vita intorno ad un'unica figura e poi perdura nel tempo modificandosi ed estendendosi ad altre figure, sia interne che esterne alla famiglia.

Quindi, se un individuo ha avuto una “base sicura”, si sente sicuro di poter esplorare il mondo allontanandosi dalla figura d'attaccamento, mentre se ha avuto altri tipi di attaccamento sentirà la spinta ad avvicinarsi.

E' questa la caratteristica più importante dell'essere genitore (padre o madre ha un'importanza relativa): fornire al bambino una “base sicura” da cui partire per il viaggio della vita, un porto sicuro in cui far ritorno nei momenti bui e di difficoltà. Ma un genitore riuscirà ad avere il ruolo di base sicura, che è quello di attesa e disponibilità entrando in azione solo quando è chiaramente necessario, solo se a sua volta ha goduto di una base sicura.

Le ricerche di Bowlby hanno dimostrato proprio che le donne la cui infanzia è stata difficile e problematica riescono con maggiore difficoltà ad instaurare interazioni con i loro bambini.

Di fondamentale importanza per una sana crescita del bambino è il modello di attaccamento.

Cure carenti, cure distorte, una loro assenza o separazioni frequenti dalla propria figura di attaccamento possono dare origine a personalità caratterizzate da modi peculiari di affrontare le situazioni sociali e fisiche, nonché da vari disturbi della mente e della condotta, lungo un continuum che dalla “normalità” arriva alla “patologia”.....”(Andolfi M., 2010).

Nel momento in cui un disturbo si manifesta in età infantile è “opportuno intervenire essenzialmente sui genitori, al fine di modificarne gli stili allevanti, più che sul bambino stesso.” (Andolfi M., 2010).

Secondo me per essere un bravo genitore è fondamentale “curarsi le proprie ferite”, perchè se ciò non avviene queste verrano trasmesse automaticamente ai propri figli.

Bibliografia:

Andolfi M. (2010). Il bambino nella terapia familiare. Franco Angeli, Milano
Bowlby J. (1989). Una base sicura. Raffaello Cortina Editore, Milano

Per ulteriori informazioni contattatemi:

Dott.ssa Romina Venti
Via A.Aleardi, n°6
05100 Terni
Tel. 3387621194

VISITATE IL MIO SITO: www.rominaventi.it




 

 

ARCHIVIO PUBBLICAZIONI



Dott.ssa Romina Venti

Psicologa - Psicoterapeuta Terni